Mm persiana e i suoi 3 cuccioli

Lug
2020
22

AGGIORNAMENTO 31/07/2020

1
2 … e il 3 è nascosto dentro la cuccetta

…………………………………………………………………..

Segnalata in un Residence della periferia osimana. Vagava da tempo lì accontentandosi del poco che le veniva offerto, finchè qualcuno si è accorto che aveva partorito.

Ora è al gattile, al sicuro. Aveva 4 piccoli , ma uno era già morto. Aveva tanta fame quando è arrivata, ma non era magrissima. Ora mangia quanto vuole e allatta i suoi 3 micini, tutti neri, come lei e minaccia tutti di non avvicinarsi a loro ma è buona e arrendevole.

Indossava 2 collarini e aveva del filo di naylon arrotolato in un piedino. Una zampetta era rimasta incastrata, forse per grattarsi o per cercare di toglierlo, dentro uno dei 2. Forse non era tanto che era così…tripode, perchè ancora non era ferita sotto l’ascella o è stata brava lei a non forzare. Forse in quello stato ha partorito e accudito i suoi piccoli appena nati. Ha rischiato tantissimo.

Non sapremo mai la sua storia perchè lei non può raccontarcela, ma non ha “scialato”. Forse cosa le è successo potrebbe raccontarcelo chi le ha messo tutti quei collarini. Riuscirà questo articolo a raggiungerlo? Ovviamente c’è l’appello anche su FB.

………………………………………………………………………..

Approfitto di questa situazione per aprire una parentesi relativa ai collarini. Il gatto non ha bisogno di collarino a meno che non serva per ritrovarlo in caso di scomparsa se è un gatto che sta fuori. A questo scopo sul collarino deve essere scritto il numero di telefono del proprietario e la città dove vive. Altrimenti non serve a nulla. Da soltanto fastidio al gatto, gli consuma il pelo, ci si annidano parassiti e può anche ucciderlo se una zampetta si incastra dentro menomandolo nei movimenti, ferendolo, infettando la ferita e tutte le conseguenze connesse.

Può anche farlo morire impiccato se non è un collarino antistrozzo, ossia con una parte in elastico che, se dovesse impigliarsi a un ramo o a una rete, si stenda permettendo al gatto di liberarsene e tornare a casa vivo. Fidatevi di 20 anni di esperienza.

L’industria del commercio ne fabbrica sempre di più carini, stimolandoci a coccolare il nostro gatto con questo dono. Ma per il gatto non è un dono, è un fastidio e un pericolo. Se vogliamo fare un regalo al nostro gatto NON compriamogli un collarino, ma del cibo migliore, dei giochini stimolanti, creiamogli un ambiente dove possa saltare e correre senza fare danni, insomma amiamolo in un altro modo.